Meningoencefalite: che cos'è, sintomi e segni della malattia, diagnosi, metodi di trattamento

La meningoencefalite da malattia è classificata come neuroinfettiva, poiché colpisce il sistema nervoso centrale. La malattia provoca infiammazione della membrana e materia del cervello. La meningoencefalite combina due malattie: meningite ed encefalite. La patologia si sviluppa da sola o sullo sfondo di altre malattie, ad esempio influenza, tubercolosi, polmonite. La malattia molto raramente scompare senza grandi cambiamenti nelle strutture del cervello.

Informazioni generali sulla meningoencefalite

Questo è il nome della condizione in cui due malattie si sviluppano contemporaneamente nel corpo: meningite ed encefalite. La prima malattia provoca infiammazione delle meningi e la seconda causa la materia cerebrale. La meningoencefalite è una malattia grave di natura infettiva. Può colpire non solo il cervello, ma anche il midollo spinale. Caratteristiche della diffusione della malattia:

  • I bambini sono più sensibili ad esso, poiché la loro immunità è meno forte e sono più spesso per strada, dove un segno di spunta può morderli.
  • Ci sono anche casi di infezione intrauterina, specialmente se nei primi mesi di gravidanza una donna aveva la varicella, la rosolia e la parotite.
  • I bambini sono caratterizzati da meningoencefalite sotto forma di infezione da meningococco. Ne soffrono più spesso nelle stagioni fredde e umide. Il picco di incidenza si verifica nel periodo da marzo a maggio.

Cause di meningoencefalite

La malattia ha molti tipi, quindi i motivi sono presentati anche in un ampio elenco. Lo sviluppo della meningoencefalite può provocare fattori infettivi, allergici infettivi e tossici. Batteri, virus, protozoi e persino amebe d'acqua dolce spesso causano questa malattia. Si distinguono i seguenti principali tipi di meningoencefalite:

  • Viral. Si sviluppa a causa della sconfitta di encefalite da zecche, varicella, influenza, parotite, rabbia, herpes, morbillo, febbre del Nilo occidentale.
  • Batterica. È associato a danni al corpo da parte di batteri, tra cui bacillo tubercolare, listeria, stafilococco, pneumo-, meningo e streptococchi.
  • Causato dall'azione di microrganismi semplici. Questi includono plasmodio malarico, toxoplasma.
  • A causa della penetrazione nel corpo di specie mutanti di ameba, il cui habitat è acqua dolce.

La meningoencefalite nei bambini viene diagnosticata più spesso a causa di un sistema immunitario sviluppato in modo incompleto. Un altro fattore predisponente è il fallimento della barriera emato-encefalica. Lo stesso vale per gli anziani. I fattori di rischio per l'infiammazione del cervello e delle meningi includono anche:

  • patologie acute o croniche degli organi ENT, tra cui sinusite, mastoidite (infiammazione del mastoide dell'osso temporale), sinusite;
  • SARS;
  • lesioni alla testa;
  • morso di una zecca ixodid;
  • vaccinazione;
  • rosolia, morbillo, varicella, tubercolosi.

Vie di infezione

Il motivo principale per lo sviluppo della meningoencefalite è la penetrazione di un agente infettivo nelle membrane e nella sostanza del cervello. L'agente causale può diffondersi in tutto il corpo attraverso il sangue o la linfa. Il metodo di infezione è determinato dal suo tipo. A seconda del tipo di agente patogeno, l'infezione da meningoencefalite può verificarsi nei seguenti modi:

  • con un morso di una zecca ixodid, che è portatore di un virus neurotropico;
  • aereo (questo è il modo in cui viene trasmessa un'infezione da meningococco, che colpisce principalmente i bambini);
  • a seguito della penetrazione nel rinofaringe della naegleria fowleri ameba mutante da un serbatoio contaminato;
  • in modo diretto quando si infrangono le cavità del pus o si viola l'integrità delle ossa del cranio;
  • verticale (l'infezione si verifica quando un bambino passa attraverso il canale del parto della madre o in utero all'inizio del periodo gestazionale).

Patogenesi

Quando l'agente patogeno entra nel tessuto cerebrale, inizia l'infiammazione in essi. Può essere purulento o sieroso, a seconda del tipo di agente infettivo. In futuro, i seguenti processi si verificano nel corpo:

  1. Intorno ai vasi sanguigni si formano infiltrati: accumuli nei tessuti di elementi cellulari con impurità di sangue e linfa.
  2. Gli infiltrati infiammatori perivascolari (localizzati attorno ai vasi sanguigni) interrompono la circolazione cerebrale.
  3. Nel cervello ci sono focolai di ischemia (necrosi tissutale, che erano privati ​​dell'afflusso di sangue), che agisce come un fattore dannoso secondario.
  4. Il corpo reagisce a questa condizione aumentando la produzione di liquido cerebrospinale - liquido cerebrospinale che circola nei ventricoli del cervello.
  5. L'eccesso di liquido cerebrospinale porta allo sviluppo di ipertensione endocranica.
  6. La combinazione di questi processi patologici provoca irritazione delle meningi - sindrome meningea.
  7. Come risultato della morte dei neuroni, si sviluppano sintomi focali, che si manifestano sotto forma di un deficit neurologico. Causa mancanza di mobilità degli arti, cambiamenti nelle sfere sensibili, emotive e intellettuali.

Classificazione della meningoencefalite

Esistono diverse classificazioni della meningoencefalite. Uno dei criteri è la causa principale della malattia. A seconda di ciò, la meningoencefalite è suddivisa nei seguenti tipi:

  • Primaria. Si sviluppa come una malattia indipendente a seguito di un morso di una zecca ixodida che trasporta l'arbovirus; infezione da rabbia, neurosifilide (penetrazione del treponema pallido), tifo, virus dell'herpes.
  • Secondario. È una complicazione di altre patologie, come il morbillo, la tubercolosi, la varicella, le malattie purulente degli organi ENT e altre patologie di natura infettiva.

Esiste un'altra classificazione della meningoencefalite associata alla causa dello sviluppo, solo il criterio in essa contenuto è il tipo di agente patogeno. A seconda di questo fattore, la malattia è:

  • Batterica. Si verifica più spesso rispetto ad altre specie. Causa infiammazione purulenta, che è provocata da Klebsiella, pneumococchi, streptococchi, meningococchi, bacillo emofilo.
  • Viral. È associato a danni al corpo da herpes simplex virus, morbillo, citomegalovirus, enterovirus, rabbia. La meningoencefalite virale provoca principalmente infiammazione sierosa.
  • Fungine. Più comunemente osservato in soggetti con sistema immunitario indebolito. Può essere diagnosticato sullo sfondo di neuroSPID.
  • Protozoo. È meno comune di altre specie, è provocato da toxoplasma, ameba e altri microrganismi semplici.

Per natura del processo infiammatorio, si distingue la meningoencefalite emorragica, purulenta e sierosa. Nel primo caso, a causa di una violazione della permeabilità delle pareti dei vasi cerebrali, lo scarico è un'impurità del sangue, nel secondo - pus con una predominanza di leucociti, nel terzo - un liquido cerebrospinale chiaro. Secondo un'altra classificazione, la meningoencefalite è suddivisa in tipi a seconda della natura del corso:

  • Cronica. L'infiammazione dura diversi mesi o anni. Procede a ondate - i periodi di remissione sono sostituiti da esacerbazioni.
  • Subacuta. Si sviluppa lentamente - per un periodo che va da diversi giorni a 1 settimana.
  • Fulmineo. Si verifica all'improvviso, si sviluppa in poche ore e nella maggior parte dei casi porta alla morte.
  • Sharp. I sintomi compaiono più lentamente che con la forma fulminante - circa entro 24-48 ore.

Il quadro clinico della meningoencefalite

La malattia è pericolosa perché nelle prime ore quasi non si fa sentire. Inoltre, ogni forma di patologia ha i suoi sintomi specifici, che possono indicare altre malattie. Una caratteristica caratteristica aiuta a riconoscere l'infiammazione del cervello e delle sue membrane. Se chiedi al paziente di inclinare la testa in avanti in modo che il mento tocchi il petto, una persona sana lo farà facilmente. Nel paziente, il minimo di tali movimenti causerà dolore.

È possibile identificare la malattia in modo diverso se si chiede a una persona di sdraiarsi sulla schiena e in questa posizione piegare la gamba con un angolo di 90 gradi nelle articolazioni dell'anca e del ginocchio. Quindi è necessario forzare il paziente a raddrizzare l'arto. Con l'infiammazione delle meningi, una tale azione che una persona non sarà in grado di eseguire: questo è un segno meningeo luminoso, che si chiama sintomo di Kernig. Con questa malattia, si osservano le seguenti manifestazioni:

  • nausea, vomito
  • forte mal di testa;
  • agitazione, letargia, delirio, stordimento o altra coscienza alterata;
  • attacchi convulsi;
  • disturbi oculomotori e visivi;
  • perdita dell'udito;
  • torcicollo;
  • fotofobia;
  • maggiore sensibilità della pelle;
  • aumento di temperatura;
  • malessere generale;
  • diminuzione dell'appetito;
  • un'eruzione cutanea rossa che scompare quando viene premuto.

Sintomi di meningoencefalite virale

La meningoencefalite erpetica virale è considerata una delle più comuni. La causa è il virus dell'herpes simplex di tipo 1 o 2. Negli adulti, la malattia si sviluppa in un contesto di ridotta immunità. La meningoencefalite nei neonati si verifica a causa di un'infezione virale generalizzata. Indipendentemente dall'età, la malattia può manifestarsi in forma acuta o cronica. Spesso la malattia è mascherata da altre patologie del sistema nervoso centrale, ad esempio ictus, epilessia, demenza. Segni caratteristici di infiammazione virale del cervello:

  • febbre alta;
  • brividi;
  • cattivo sonno;
  • vomito;
  • mal di testa nelle aree frontale e parietale;
  • cambiamento nelle funzioni comportamentali fino alla completa inadeguatezza.

Segni di meningoencefalite batterica

I batteri patogeni penetrano più spesso nelle meningi attraverso il sangue, meno spesso attraverso il liquido linfatico. Tale processo si osserva quando esiste un focus primario di un'infezione batterica nel corpo, ad esempio nel caso di malattie acute o croniche degli organi ENT. La meningoencefalite purulenta è la più difficile da trattare. La malattia può essere riconosciuta dai seguenti segni:

  • un forte aumento della temperatura a 39 gradi;
  • dolori articolari
  • disturbi del sonno
  • nausea, vomito;
  • la debolezza;
  • eruzione cutanea;
  • malessere generale;
  • esantema emorragico su tronco, viso, arti;
  • mancanza di respiro
  • convulsioni;
  • agitazione psicomotoria e delirio;
  • sonnolenza;
  • rigidità muscolare.

Manifestazioni di meningoencefalite amebica

Questa forma di infiammazione della sostanza e delle membrane del cervello è meno comune di altre. La causa del suo verificarsi sono le amebe - piccoli protozoi a vita libera. L'infezione può verificarsi quando si fa il bagno in acqua dolce o si beve acqua da loro. Una persona viene infettata anche dall'acqua potabile o dalle sorgenti minerali. L'ameba si trova anche nel suolo, su funghi o verdure. La meningoencefalite amebica si presenta in due forme: acuta e granulomatosa. Nel primo caso, il periodo di incubazione della malattia può durare da 2 giorni a 2 settimane. Sintomi tipici della patologia:

  • un forte mal di testa;
  • nausea;
  • vomito;
  • forte aumento della temperatura;
  • convulsioni;
  • letargia;
  • afasia (difficoltà del linguaggio);
  • emiplegia (paralisi di metà del corpo);
  • danno visivo;
  • coma.

La forma granulomatosa è caratterizzata da un decorso più lento. La malattia può durare diverse settimane o mesi. In una fase precoce, la malattia provoca sintomi simili ai segni della formazione di una neoplasia nel cervello. In questo caso, si osservano i seguenti sintomi:

  • convulsioni convulsive simili a convulsioni di epilessia;
  • emiparesi;
  • cambiamenti di personalità;
  • disturbi mentali.

Le conseguenze della meningoencefalite

Le persone che hanno avuto questa malattia possono successivamente soffrire di una vasta gamma di complicazioni. Ci sono pochissimi casi in cui la malattia è stata curata praticamente senza conseguenze. Nella maggior parte dei pazienti, rimangono ancora sottili complicazioni. Tutto dipende dal tipo di agente infettivo che è penetrato nelle meningi o nella materia cerebrale. Anche lo stato di immunità è importante.

Le conseguenze più pericolose e imprevedibili si osservano con l'infezione intrauterina del bambino. Se il bambino è sopravvissuto, può sviluppare:

  • idrocefalo (idropisia del cervello);
  • epilessia;
  • disturbi mentali;
  • ritardo mentale;
  • sindrome convulsiva;
  • paresi e paralisi;
  • demenza;
  • problemi di udito e visione.

La gravità delle complicanze è determinata dalla profondità di penetrazione del processo patologico, dalle aree interessate e dalla natura del danno al sistema nervoso centrale. Negli adulti, l'intelligenza può diminuire. Spesso ci sono problemi di vista, perdita dell'udito, ipertensione endocranica. Altre possibili complicanze negli adulti:

  • coma;
  • shock batterico;
  • strabismo;
  • necrosi cutanea generalizzata;
  • formazione di ascessi (processo purulento all'interno del cervello o del cervelletto);
  • uveite (infiammazione della coroide);
  • sepsi meningococcica;
  • disturbi mentali;
  • esito fatale.

Diagnostica

Nella prima fase della diagnosi, il medico intervista il paziente e i suoi parenti per raccogliere un'anamnesi al fine di identificare lesioni cerebrali traumatiche, infezioni, fatti di vaccinazione, punture di zecche. Inoltre, per identificare i sintomi meningei caratteristici, il paziente viene esaminato da un neurologo: valuta lo stato di coscienza, rivela un deficit neurologico. Questi segni indicano un processo infiammatorio del midollo e delle meningi. Quindi il medico prescrive i seguenti test di laboratorio:

  • Esame del sangue. Un aumento del livello dei leucociti e un'accelerazione della velocità di eritrosedimentazione indicano la presenza di un processo infiammatorio nel corpo.
  • PCR. Questo è un metodo di reazione a catena della polimerasi, che mira a rilevare il DNA dell'agente patogeno nel corpo. Questa analisi consente di determinare con precisione il tipo di agente infettivo.
  • Emocoltura per sterilità. Questo studio ha lo scopo di identificare i batteri. L'analisi è indicata per sospetta sepsi. Un campione di sangue viene prelevato da una vena periferica usando una siringa sterile.

È importante differenziare i sintomi meningei da altre malattie: tumori cerebrali, lesioni tossiche del sistema nervoso, ictus estesi e processi degenerativi. I seguenti studi strumentali aiutano a confermare finalmente la diagnosi:

  • Imaging a risonanza magnetica e calcolata (CT e MRI). Queste procedure aiutano a rilevare i cambiamenti nel cervello: cambiamenti diffusi nei tessuti, ispessimento, densificazione delle meningi. La sconfitta degli agenti parassiti è confermata dall'identificazione di focolai arrotondati con amplificazione ad anello sulla periferia.
  • Puntura lombare. Questo studio determina infine il tipo di agente patogeno. L'essenza della procedura è la raccolta e l'esame del liquido cerebrospinale (liquido cerebrospinale). Con un processo purulento, diventa torbido, acquisisce un precipitato flocculante, con emorragico - contiene elementi di sangue, con sieroso - è trasparente.
  • Biopsia cerebrale stereotassica. Questa è un'operazione neurochirurgica di natura diagnostica. Viene effettuato in casi più gravi per escludere i processi tumorali.

Trattamento per meningoencefalite

La terapia della malattia viene eseguita immediatamente in diverse direzioni: etiotropica, sintomatica e patogenetica. Il primo tipo di trattamento prevede l'eliminazione della causa della malattia. I seguenti farmaci vengono utilizzati a seconda di esso:

  • Antifungini.Indicato per il trattamento dell'infiammazione fungina delle membrane e della materia cerebrale. Il fluconazolo e l'amfotericina B sono considerati efficaci.
  • Antibatterico. Utilizzato con la natura batterica della malattia. Degli antibiotici vengono utilizzate cefalosporine o una loro combinazione con penicilline, più spesso con ampicillina. Prima di ottenere i risultati di un'analisi per identificare il tipo di agente patogeno, il medico prescrive un agente antibatterico ad ampio spettro. Dopo aver determinato il tipo di agente infettivo, la terapia viene adattata tenendo conto della sensibilità dei batteri a farmaci specifici.
  • Antivirale. Con la forma erpetica della malattia, viene utilizzato il ganciclovir, con l'arbovirus - Ribavirina. Di agenti antivirali, Acyclovir è più spesso prescritto. Aumenta le possibilità di vita del paziente, ma non protegge da gravi conseguenze meningee. La terapia antivirale è combinata con farmaci immunomodulanti come l'interferone.
  • Antiparassitario. Sono prescritti per danni cerebrali con ameba o toxoplasma. Più spesso usato con antibiotici e farmaci antifungini.

La seconda direzione del trattamento della malattia è patogenetica. Viene effettuato per eliminare i principali sintomi meningei. Gli obiettivi di tale terapia:

  • Rimozione dell'edema cerebrale. A tale scopo vengono utilizzati diuretici che aumentano la quantità di liquido escreto nelle urine. Di conseguenza, l'edema cerebrale è ridotto. Inoltre, vengono utilizzati glucocorticosteroidi: agenti ormonali con un forte effetto antinfiammatorio.
  • Conservazione dell'attività vitale delle cellule cerebrali - neuroni. Per raggiungere questo obiettivo, al paziente vengono prescritti farmaci neurometabolici e neuroprotettivi.

L'ultima direzione del trattamento è sintomatica. L'obiettivo è quello di eliminare i sintomi della malattia e alleviare le condizioni del paziente. Date le manifestazioni della malattia, a una persona possono essere prescritti tali farmaci:

  • psicotrope;
  • anticonvulsivanti;
  • antipiretici (antipiretici);
  • migliorare l'attività del sistema cardiovascolare;
  • sedativi;
  • antiossidanti;
  • migliorare la microcircolazione del sangue;
  • un multivitaminico;
  • anticolinesterasici.
Attenzione! Le informazioni presentate nell'articolo sono solo indicative. I materiali dell'articolo non richiedono l'autotrattamento. Solo un medico qualificato può fare una diagnosi e dare raccomandazioni per il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.